Anteprima

Sports Car Giant test 2017

Le migliori auto del 2017 non potrebbero essere più diverse, dalla Civic Type R alla 720S in carbonio, dalla massiccia E63 S alla gracile Elemental, ma sono tutte entusiasmanti. Ed una lo è più delle altre…

A PRIMA VISTA potreste pensare che la cosa migliore del guidare la Civic Type R sia che non dovrete stare lì a guardarla. Come un neonato talmente brutto che la madre lo imboccava con una catapulta, questa povera auto è stata modificata in maniera scellerata. Anche gli interni sembrano aver perso gran parte del fascino della Civic di un tempo.

Fortunatamente, però, mentre il reparto di progettazione della Honda resta fedele ad una filosofia che non è né carne né pesce, i suoi ingegneri hanno semplicemente acceso la miccia per poi ritirarsi a distanza di sicurezza. Salite a bordo e l’ergonomia rende abbondantemente chiaro che questa macchina esiste per una sola ragione: per arricchire il paesaggio con velocità e precisione mozzafiato. Lo sterzo corposo, il cambio bello e corto ed il perfetto bilanciamento dei pedali si danno semplicemente per scontati, lasciandovi liberi di godere del meraviglioso equilibrio, dell’agilità e dell’eccezionale livello di aderenza della vettura, anche sul (molto) bagnato. Coppia sterzante? No. Turbo lag? Dovreste essere troppo su di giri per preoccuparvene. Quintessenza della purezza di intenti, sebbene gli appassionati di una due volumi più completa ancora si aggrappino alla loro BMW M140i… o alla Ford Focus RS. La nostra campionessa in carica non è nuova, ma la Mountune che si arma della trazione integrale sì, ed il record sul circuito aziendale con la Fiesta ST è impeccabile. La M400 in nero grafite è più potente, ha più coppia della Civic e, naturalmente, quattro ruote motrici.

Nell’incontro dello scorso anno la Focus RS ci ha impressionato enormemente con la sua giocosa dinamica posteriore, la ragguardevole andatura e la notevole sicurezza in tutte le condizioni meteo. La modalità Drift potrà anche essere tutta scena, ma non c’è niente di scenico in una due volumi che sgomma come una Mitsubishi Evo, con l’assale posteriore tutto inclinato e l’acceleratore a tavoletta. La M400 ha un sacco di potenza in più pur mantenendo una grande agilità, un’aderenza imponente ed una sensazione di malizia che vi fa sorridere ogni volta che la lanciate.

Due versioni molto diverse dell’intramontabile ricetta due volumi; il rapace contro il razzo. Potrebbe essere divertente…

Leggi l’articolo completo sul numero 95

CAR lo trovi IN TUTTE LE EDICOLE della tua città e in edizione digitale su pocketmags.com

1 3 2 5

A proposito dell'autore

Redazione

Post correlati