Mercedes SLS AMG Coupé Black Series è il nome della nuova versione supersportiva della storica Ali di gabbiano. Il quinto modello della Black Series è un mix di design e aerodinamica mozzafiato realizzato con elementi superleggeri secondo la filosofia AMG Lightweight Performance. Il cuore è un V8 AMG da 6.3L capace di erogare fino a 631cavalli a pieno regime  che ne conferisce uno scatto 0-100km/h in soli 3.6secondi. Il contorno non è da meno: sospensioni AMG ride control, dischi freno in ceramica, cerchi in lega leggera con pneumatici sportivi di nuova concezione, differenziale elettronico, cambio sportivo DCT a 7 rapporti. Un curriculum da urlo.

La SLS AMG Black Series si presenta come una vera e propria vettura da corsa fuggita dall’autodromo. Include, infatti, tutte le soluzioni tecnologiche e aerodinamiche sviluppate nel settore sportivo della GT3 e poi introdotte in un modello stradale che è in grado di regalare le stesse emozioni che si provano in pista. L’elenco delle modifiche apportate da AMG è infinito, si passa infatti dall’intera revisione del motore, alla scelta accurata degli pneumatici idonei al bilanciamento dei pesi studiato. Ma perché scegliere la Black Series?

Le differenze principali dalla SLS AMG:

Il motore è stato oggetto di una revisione delle punterie e degli alberi a camme, vi è stato un aumento del regime massimo di rotazione ed infine i condotti d’aspriazione sono stati accorciati e ottimizzati. Queste modifiche hanno portato all’incremento di ben 60cavalli di potenza.

L’applicazione della Lightweight, che si è concretizzata con il rimpiazzo di diversi componenti con altri in fibra di carbonio o in materiale sintetico destinato alle vetture da corsa, ha portato la Black Series a pesare 70kg in meno rispetto alla sua versione di partenza. Ne ha giovato il rapporto peso potenza che passa così a 2.45kg/CV.

Il cambio DCT, il nuovo differenziale a bloccaggio elettronico e le sospensioni ride control sono studiati per lavorare in coordinazione e conferirle una guidabilità senza paragoni sia sul dritto che nelle curve. In particolare il differenziale è in grado di bloccarsi in fase di accelerazione e decelerazione per omogeneizzare la coppia scaricata alle ruote posteriori, mentre l’impianto frenante in ceramica garantisce frenate sicure e decise anche in condizioni di forte stress termico.

L’aerodinamica è infine portata agli estremi con dettagli tanto accattivanti nell’aspetto, quanto fondamentali nella stabilizzazione ad alte velocità. I risultati ottenuti dall’esperienza sportiva in GT3 sono stati interamente trasmessi alla Black Series, dove troviamo i caratteristici profili alari delle vetture Gran Tursimo realizzati (ovviamente) in fibra di carbonio.

 

 

A proposito dell'autore

Umberto Circi

Post correlati