La versione più veloce della Corsa di nuova generazione abbina una sportività estrema e senza compromessi a un’eccezionale predisposizione all’uso quotidiano.

In linea con la tradizione OPC, la versione Corsa top-di-gamma si lascia immediatamente identificare come un vero prodotto dell’Opel Performance Center. Accanto al nuovo colore azure blue, utilizzato esclusivamente per la versione OPC, la Corsa vanta anche delle novità nella zona anteriore, con le nuove prese d’aria. Una piccola presa d’aria si trova anche nella parte anteriore del cofano, e rende ancora più sportiva l’estetica della Corsa OPC. Le fiancate modellate e dinamiche con le evidenti soglie laterali sottoporta conducono al posteriore. Lo spoiler sopra il portellone è disponibile in due versioni – una più sottile di serie e una molto più evidente che aumenta la deportanza sull’asse posteriore. Il doppio scarico Remus con diffusore intorno ai terminali aggiunge un ulteriore tocco di sportività, visivo e anche acustico, come si nota facilmente una volta premuto l’acceleratore.

Anche gli interni sono di impostazione sportiva. Spiccano i sedili sportivi Recaro, che offrono un supporto laterale ottimale anche nelle curve più impegnative. Il volante in pelle, con sezione inferiore appiattita, il pomello del cambio OPC e la pedaliera sportiva accanto alla caratteristica strumentazione OPC completano il design dell’abitacolo.

Sotto il cofano della nuova Corsa OPC, il turbo benzina da 207 CV attende solo di essere messo in moto. Questo 1.6 eroga una coppia massima di 245 Nm tra 1.900 e 5.800 giri – altri 35 Nm sono disponibili quando necessari grazie alla funzione overboost. Durante lo sviluppo del motore si è cercato di raggiungere il più rapidamente possibile una coppia massima superiore al modello precedente, Corsa OPC Nürburgring Edition (coppia massima a partire da 2.250 giri). La nuova versione risulta pertanto molto più reattiva a regimi inferiori. La potenza della OPC viene trasferita alle ruote anteriori attraverso un cambio a sei velocità, caratterizzato da innesti brevi e precisi. La nuova Corsa OPC accelera da 0 a 100 km/h in soli 6,8 secondi. La velocità massima è di 230 km/h. Nonostante queste credenziali sportive, i consumi si fermano a 7,5 litri per 100 chilometri nel ciclo misto (emissioni di CO2 di 174 g/km).

Per trasferire la potenza sulla strada nel miglior modo possibile, gli ingegneri Opel hanno testato la nuova Corsa OPC in modo approfondito sul Nürburgring con gli specialisti di Koni, e hanno sviluppato un telaio dotato di un sistema di ammortizzatori innovativo. La nuova tecnologia di smorzamento selettivo in funzione della frequenza o Frequency Selective Damping (FSD) consente di adattare la taratura alla frequenza di movimento del veicolo, per un equilibrio perfetto tra sportività senza compromessi e comfort. Ovviamente sono stati adattati anche tutti gli altri componenti del telaio. La distanza da terra della OPC è di 10 millimetri inferiore rispetto alle sue più docili sorelline. Grazie a un sistema di controllo elettronico di nuova generazione, è possibile scegliere diverse modalità di attivazione del sistema di controllo elettronico della stabilità (ESP) e del controllo della trazione (TC). In modalità “Competition”, il controllo della trazione è disattivato, mentre l’ESP lascia le briglie di Corsa OPC un po’ più sciolte. I guidatori più esperti possono anche disattivare completamente l’ESP per spingere la vettura al limite su circuito.

Il pacchetto performance: l’atmosfera delle corse su strada

Chi desidera guidare circondato in assetto da corsa può scegliere il pacchetto performance di Corsa OPC, che comprende il differenziale meccanico autobloccante a dischi multipli Drexler, cerchi da 18 pollici con pneumatici sportivi Michelin e un telaio dall’impostazione ancora più sportiva. Il pacchetto performance prevede inoltre i freni Brembo ad alte prestazioni con dischi anteriori da 330 millimetri.

 

A proposito dell'autore

Riccardo Cacace

Post correlati