Avete presente le auto dei clown? Quelle minuscole dalle quali escono dozzine di persone? Ecco, probabilmente hanno preso spunto da quelle, in Honda, per sviluppare la nuova Jazz. In appena 4 metri di lunghezza è sbalorditivo il comfort e lo spazio offerto a tutti – ripeto – tutti i passeggeri. Ma andiamo con ordine. Bello il nuovo look, spigoloso, moderno, in linea con il trend della Casa, tanto da non sembrare il classico “ritocchino” di metà vita, quanto più una rivoluzione. Passando al motore: un 1.3 benzina frizzante e che consuma poco, molto poco.

Mi è bastato un pieno di quasi 50 Euro per poter scorrazzare felicemente per le due settimane di prova, assolutamente non male. Il CVT in dotazione non è il massimo per chi cerca una guida “sprintosa”, nonostante lasci l’illusione di poter cambiare marcia utilizzando i piccoli paddle dietro al volante. Ovviamente parlare di prestazioni su un’auto del genere sarebbe come parlare di fisica termonucleare con un calciatore, quindi torniamo ad elogiare gli spazi e la tecnologia offerti in questa piccola city car. Il divanetto posteriore è comodo sia sopra la testa che davanti alle gambe, riuscendo a “parcheggiare” comodamente tre passeggeri. Il portellone posteriore ha l’unico difetto, se così si può definire, di essere leggermente troppo alto, ma è veramente un dettaglio quando hai 354 litri ai quali si accede con una comodità disarmante. Non solo interni spaziosi, ma anche molto curati nei materiali e nella tecnologia offerta. La plancia trasmette lo stesso senso futuristico degli esterni, con un touch screen con interfaccia più simile ad un tablet che a un classico infotainment, compreso di comandi per l’aria con tasti a sfioramento. Più che un’auto sembra un’astronave. 

Scheda tecnica: Honda Jazz 1.3 Comfort Navi ADAS CVT

Prezzo 41.450 Euro Motore 1.318 cc 4 cil in linea benzina, 102 cv @ 6.000 giri/min, 123 Nm @ 6.000 giri/min  Trasmissione A variazione continua CVT , trazione anteriore Prestazioni 0-100 km/h in 12 sec, 182 km/h, 21,7 km/l, 106g/km CO2  Peso 1.092 kg

A proposito dell'autore

Giuseppe Gomes

Post correlati