In casa Mercedes, fino a poco tempo fa il concetto di SUV veniva affidato alle Classi M e G, che da sempre regalano a Stoccarda grandi soddisfazioni. Ma in un momento di estrema creatività della Stella, alle due best sellers, è stata aggiunta anche la rampante GLE che viene definita come l’erede designata proprio della M.

Prestazioni straordinarie, consumi ridotti ed emissioni molto basse per la sua categoria: queste le caratteristiche della GLE che nei modelli base hanno già ottenuto un buon successo. Ma… poteva mancare una versione AMG? Assolutamente no. Anzi, due. Mercedes ha presentato la 63 AMG e la 63 AMG S.

Il motore biturbo V8 AMG da 5,5 litri è decisamente più brillante rispetto al passato: oltre alla versione di base da 557 cv è disponibile, come detto, la versione AMG S da 585 cv, una sorta di belva. Per garantire dinamica di marcia e agilità ancora più elevate, l’autotelaio è stato completamente rivisitato. La risposta del motore e i tempi di innesto del cambio sono su un livello ancora più sportivo. Con il frontale caratteristico della famiglia AMG, con l’A-Wing e la mascherina del radiatore «Twin blade», questo SUV mette in evidenza tutto il suo dinamismo non solo dal punto di vista della cavalleria, ma anche della presenza su strada.