Mercedes Classe X

Anche Mercedes ha ceduto al fascino dei pick-up, quei veicoli commerciali il cui segmento sta letteralmente esplodendo negli ultimi anni. I principali Brand ci si sono lanciati a capofitto, e Mercedes non poteva di certo essere da meno, implementando la sua già smisurata gamma con un’interessante proposta per un mercato il cui focus principale è l’utilità, la praticità, insomma la sostanza piuttosto che la forma. L’approccio dei tedeschi, in questo caso, non è stato quello di preferire una qualità piuttosto che un’altra, ma anzi unire la praticità al design della Stella, proponendo quindi un mezzo che potesse racchiudere in sé quelle specifiche che richiede il mercato del lavoro e l’eleganza stilistica di una Mercedes che si rispetti.

xxxx

Volete chiamarlo pick-up di lusso? Beh, potete farlo. La base su cui è stata sviluppata la nuova Classe X è stata presa in prestito dal Nissan Navara, la stessa della cugina Alaskan di Renault per intenderci, garanzia di robustezza, sicurezza e ottime prestazioni fuoristradistiche. Sì perché Classe X prima di tutto è un vero fuoristrada, con telaio a longheroni e traverse, asse posteriore a bracci multipli e anteriori indipendenti, ma se volendo essere più diretti più diretti basterebbe l’altezza da terra di oltre 20 cm e la capacità di guado di 60 cm per farvi capire di cosa potrebbe essere capace. Dicevamo pick-up di lusso quindi… in effetti è il primo pensiero che potreste avere guardandola da fuori, con quella sua imponente griglia a due listelli, l’enorme stella al centro, quei fari full LED rastremati verso le fiancate e i cerchi in lega che nell’insieme le donano quell’aspetto Premium che tendenzialmente ci saremmo aspettati – e scommettiamo anche voi – più da una berlina che da un pick-up destinato a caricare qualsiasi tipo di oggetto tagliente, acuminato e sporco che vi venga in mente. E se è una vera Mercedes fuori, poteva non esserlo dentro?

Leggi l’articolo completo sul numero 103

CAR lo trovi IN TUTTE LE EDICOLE della tua città e in edizione digitale su pocketmags.com

x

 

A proposito dell'autore

Umberto Circi

Post correlati