Mercedes-Benz S350d 4Matic Premium

Il relax nell’occhio del ciclone

C’è una gran turbolenza nel mercato delle auto di lusso, con le rivali che cercano di scalzare la Classe S dal trono. Non sarà per niente facile…

Ci mettiamo comodi, reclinando i sedili posteriori raffreddati e massaggianti, attivando con comandi vocali l’entertainment e giocherellando con le 64 sfumature dei colori LED per gli interni: non la vediamo, eppure fuori dall’abitacolo sta imperversando una vera e propria guerra. Osserviamo il nostro autista che si gratta il mento con una mano e con l’altra attiva i sistemi del cruise control, forte della consapevolezza che l’auto è in grado di guidarsi autonomamente per brevi tratti, e ci meravigliamo dell’idea che, effettivamente, siamo al centro di un fuoco incrociato pericolosissimo.
Sembrano termini forti, ma è esattamente ciò che sta accadendo in quello che normalmente è un settore calmo e relativamente poco competitivo: quello delle auto premium di lusso. A darsi battaglia sono tre, accaniti e valorosi guerrieri. Attualmente ci troviamo a bordo della Mercedes Classe S aggiornata; un restyling, ad essere più precisi, ma che coinvolge una nuova gamma di motori e una serie di avanzamenti tecnologici notevoli. Audi ha ultimato la nuova A8 e verso la fine dell’anno è prevista anche la nuova Lexus LS. BMW attualmente sta concedendo una pausa ma resta in competizione, visto che la sua Serie 7 ha solo due anni.
Tutte e tre lanciano la sfida alla Mercedes sul campo del ben noto mix fra potenza, comfort e tecnologie in un cocktail con bicchiere a forma di berlina. La Serie 7 è probabilmente la miglior scelta per i piloti più accaniti, mentre la A8 ci è andata giù pesante con la tecnologia; eppure, alla fine, è sempre la Classe S l’auto da battere, quella che definisce il segmento stesso, quella che è impossibile non farsi piacere.
Stiamo parlando della berlina di lusso più venduta al mondo, da quando l’attuale generazione ha fatto il proprio debutto nel 2013 circa 300.000 unità hanno lasciato la fabbrica, quindi il lavoro di Mercedes è quello di continuare sull’onda del successo senza modificare troppo la formula. Ma quando senti il fiato sul collo di rivali che tentano l’assalto con auto talmente avanzate a livello di motori, infotainment, comfort e assistenti di guida, c’è poco da riposare sugli allori.

Bando alle ciance, ed ecco la rivisitata Classe S in tutto il suo splendore, giunta a noi con la promessa di una versione plug-in e con altri stili della carrozzeria in arrivo in un futuro prossimo. Entrano in scena tre nuovi motori: sei cilindri in linea, uno benzina e uno diesel, ed un V8 biturbo a benzina. Tutti e tre saranno disponibili in due livelli di prestazioni. Il V12 a benzina continuerà ad essere proposto.
Il sei cilindri a benzina è anche dotato di un sistema elettrico a 48 volt che renderà più morbido e più efficiente il motore e che riciclerà l’energia frenante. Tale riciclo si noterà appena, quando verranno attivati tutti i sistemi ausiliari disponibili. Grazie a questo sistema elettrico ci sarà anche una modalità di “planata assistita”, che saprà attivarsi quando serve e disattivarsi a seconda delle velocità. Il V8 a benzina avrà invece un sistema di disattivazione di quattro cilindri, mentre il sei cilindri diesel non avrà alcun trucchetto particolare, ma sarà più pulito ed efficiente dei diesel precedenti, pur mantenendone la potenza. È in cantiere anche una versione Maybach chiaramente pensata per un mondo diverso da quello in cui viviamo. Infine, immancabili anche le versioni AMG, che saranno due: la S63 V8 e la S65 V12.

… il resto della storia, scoprilo qui!

A proposito dell'autore

Riccardo Cacace

Post correlati