Mercedes-Benz C43

L’attesa per le nuove versioni AMG della fortunatissima Classe C di Mercedes-Benz è finalmente finita. Oggi siamo al volante della nuova C43 4Matic e i più esperti avranno già capito dalla sigla che sotto al cofano della nostra berlina non si nasconde l’agguerrito V8 che siamo abituati a guidare e sentire, ma un più contenuto V6, sempre sviluppato ad Affalterbach. La nuova unità, punta di diamante degli aggiornamenti alla Classe C, è un tre litri, ovviamente turbo, rivisto dagli ingegneri per una potenza di 390 cavalli, ovvero 23 in più rispetto alla precedente versione. La coppia cresce a 520 Nm, e ora è disponibile a partire da 2.500 giri regalandoci una progressione sempre pronta al minimo tocco dell’acceleratore.

Mercedes-AMG C 43 4MATIC Limousine, designo hyazinthrot metallic, Leder AMG schwarz. Kraftstoffverbrauch kombiniert: 9,3-9,1 l/100 km, CO2-Emissionen kombiniert: 213-208 g/km // Mercedes-AMG C 43 4MATIC Sedan, designo hyacinth red metallic, AMG leather black. Fuel consumption combined: 9.3-9.1 l/100 km. Combined CO2 emissions: 213-208 g/km

Questi dati, che in effetti sono già troppi, si traducono su carta in uno scatto da 0 a 100 km/h di 4,7 secondi per la berlina, e di 4,8 per le varianti cabrio o station wagon, mentre la purtroppo la velocità massima è limita a 250 km/h. Su strada, senza cronometro in mano, le cifre sembrano veritiere ma ciò che colpisce sin dai primi metri è la personalità di questo motore. É ben lontano dall’aggressività del fratello con due cilindri in più, ringhia con meno clamore, si sente meno assetato di giri. Non che sia noioso, assolutamente. Il V6 è veramente un’ottima scelta per la vostra Classe C, se cercate sportività, prestazioni, ma vi intimoriscono costi di gestione e relative tasse del V8. Semplicemente è una sfaccettatura diversa del mondo AMG, che cede parte della ricerca spasmodica delle prestazioni, dell’aria da bullo delle unità montate ad esempio sulle Classe E, in favore di un qualcosa di più utilizzabile nella vita di tutti i giorni. Qualcosa con cui sia più facile convivere, insomma, almeno negli spostamenti quotidiani.

Mercedes-AMG C 43 4MATIC Limousine, designo hyazinthrot metallic, Leder AMG schwarz. Kraftstoffverbrauch kombiniert: 9,3-9,1 l/100 km, CO2-Emissionen kombiniert: 213-208 g/km // Mercedes-AMG C 43 4MATIC Sedan, designo hyacinth red metallic, AMG leather black. Fuel consumption combined: 9.3-9.1 l/100 km. Combined CO2 emissions: 213-208 g/km

Con questo, ripeto e tengo a precisare, non sto dicendo in alcun modo che la C 43 non sia un’auto entusiasmante. La trazione integrale 4Matic la rende praticamente neutra in ingresso, percorrenza e uscita di curva, e per giocare col posteriore dovrete veramente impegnarvi con i controlli disattivati, ma riuscirete a percepire chiaramente la ripartizione della coppia che si sposta verso le ruote posteriori – fino a, liberando da buona parte dei compiti il frontale per lasciarlo libero di indirizzare con precisione il muso verso l’apice che state puntando. Lo sterzo è preciso, ma si sente più leggero rispetto a quanto ti aspetteresti da una AMG, e il cambio automatico a 9 marce Speedshift TCT AMG snocciola rapporti apparentemente senza alcuno sforzo.

 

Leggi l’articolo completo sul numero 102

CAR lo trovi IN TUTTE LE EDICOLE della tua città e in edizione digitale su pocketmags.com

A proposito dell'autore

Umberto Circi

Post correlati