La 720S

La McLaren vuole tutto con la 720S: più potenza, maggiori prestazioni, aerodinamica migliorata, ulteriore comfort e anche la luna. E sapete cosa? Puntare in alto ha ripagato!

Un panda arrabbiato. L’Uomo mascherato, un supereroe dei fumetti in calzamaglia rossa. È difficile non guardare la nuova McLaren 720S e non avere un’opinione. E visti quei fanali sarà difficile per qualcuno guardare il muso della 720S e non pensare che sia spaventoso.
Si sbaglieranno anche, ma in ogni caso va bene così. La vettura che rimpiazza, la 650S, di per sé una frettolosa rivisitazione della monotona 12C a cui sono stati aggiunti dei motivi della P1, era una vettura che sembrava vecchia già prima di toccare la strada. Ora all’alba del suo sesto anno nel mercato dell’auto, la McLaren è sicura di sé, proficua, ed ha appena iniziato con il linguaggio progettuale che accompagnerà la sua intera nuova generazione di vetture sportive.

Incontratela di persona, e non potrete fare a meno di pensare che non esiste vettura sportiva più bella in vendita. Non potrete fare a meno di essere frustati dall’incapacità di McLaren di fare le cose per bene sin dall’inizio. Ironicamente, all’evento di presentazione a Roma, a rimarcare ancor di più questa frustrazione c’era una 12C.
Ci sono evidenti accenni alla P1, in particolare nel posteriore. Ma le superfici della 720S sono molto differenti, la carrozzeria iridescente sale e scende come un lenzuolo di seta in balia del vento. …

… il resto della storia, scoprilo qui!

 

A proposito dell'autore

Post correlati