GIANT TEST

La quarta generazione di MAZDA MX-5 è stata, giustamente, annunciata come un ritorno alle origini dell’auto. Una due posti pura, ad aspirazione naturale, leggera e più piccola addirittura dell’originale del 1989, mitiga ogni malcontento dovuto alle modeste prestazioni del motore con l’ormai dimenticato brivido anni 60 del vento nei capelli e la strada tra le mani.

Questo la mette spalla a spalla con la sublime, ma sfortunata nelle vendite, TOYOTA GT86, che è alimentata da un quattro cilindri di derivazione Subaru da 200 cv, per il prezzo di 31.700 Euro nella sua variante base, e che ora vanta delle sospensioni riviste e un equipaggiamento migliore dopo un leggero svecchiamento.

La BMW Serie 2 si appresta ad avviarsi sul viale del tramonto, ma le voci sul suo successore sono così inconsistenti che non vi distoglieremo da quest’auto. Questa è la faccia cresciuta e rifinita del settore delle coupé a trazione posteriore. Amiamo la M2 e rispettiamo il sensibile 220d diesel, ma non abbiamo avuto molte occasioni di conoscere il 220i, qui in guisa M sport da 37.400 Euro.

Il resto della storia, scoprilo qui

A proposito dell'autore

Post correlati