car TOP 10

Le auto più sottovalutate (e poi ricercate)

Chiamatela svista o errore madornale, fatto sta che parecchi anni fa furono mal interpretate e ora sono auto che valgono una fortuna, secondo AutoScout24.

 

1 – FERRARI MONDIAL

Ha trascorso la sua vita dal 1980 all’93 e in quegli anni videro la luce 4 versioni differenti, tra cui l’ultima: Mondial T dotata di 300 cv. Malgrado fosse Pininfarina a firmarne il design, non ci furono troppi plausi e anche la guidabilità risentiva di un eccessivo peso. Tuttavia ora, per portarsene una a casa, ci vogliono circa 40.000 Euro.

 

2 – MASERATI BITURBO

Anche qui ci troviamo negli anni ‘80, tra il 1982 e il ‘92. All’epoca, durante il suo corso di vita, il prezzo base crebbe di 4 milioni, partendo da 22. A quasi 40 anni di distanza si trovano esemplari in buono stato per circa 11K Euro. Al di là del prezzo rimangono degli spigoli evocativi, che Giorgetto Giugiaro disegnò per un pubblico di massa.

 

3 – FERRARI DINO GT4

Torniamo subito dal Cavallino con un modello che nacque qualche anno prima (1974/’80). Al momento del lancio, la presentazione fu fatta al Salone di Parigi nel 1973, lo scalpore fu decisamente contenuto, eppure si trattava di una Ferrari innovativa, anche solo per il fatto di essere la prima con 4 posti. Oggi il suo prezzo medio è di 44.000 Euro.

 

4 – PORSCHE 914

A vederla non ci si stupisce troppo del fatto che quasi 50 anni fa il suo look fu bistrattato, eppure oggi servono almeno 20mila Euro per un buon esemplare. La 914 fu partorita da Porsche e Volkswagen che collaborarono per creare un’auto che tuttavia fu etichettata come l’auto a basse prestazioni, e in gamma, al top, c’era anche un 6 cilindri!

 

5 – FIAT 130

Torniamo in Italia con la Fiat 130, ultima vera ammiraglia della Casa di Torino. Allora c’era spazio a sufficienza per un’auto di rappresentanza targata Fiat, ma erano gli anni ‘70 (‘69/’77). In ogni caso le carte in regola c’erano: il motore V6 (fino a 3.200 cc) sfiorava i 200 km/h e le dimensioni erano generose. Il prezzo medio è 8.700 Euro.

 

6 – LANCIA GAMMA

L’auto arrivò sulle strade nel 1976 (la versione coupé l’anno successivo). Anche in questo caso si tratta del repertorio Pininfarina ma non tutte le ciambelle escono col buco. Non molto rara, sommando la versione berlina e la coupé, Gamma fu prodotta in più di 10.000 esemplari. Anche a distanza di tempo le stime sono basse: 5.500 Euro.

 

7 – ALFA ROMEO ALFA 6

L’auto del Biscione fu commercializzata dal 1979 all’87. Il design non fu capito e dato che le linee non erano molto differenti dall’Alfetta, presto il suo nomignolo fu “Alfona”. Aveva un motore 2,5 litri ma non bastò a far di lei un successo. Il prezzo medio è di 8.700 Euro.

 

8 – CITROËN SM

Secondo caso di Joint Venture. Dopo Porsche/Volkswagen ecco Citroën/Maserati alle prese con un modello che fu poco apprezzato. Anche se la massa la disdegnò, la stampa specializzata apprezzò il progetto. E infatti si tratta di uno dei modelli Citroën ad oggi più cari. Più di 30mila Euro per averne una. La sua vita? Dal 1970 al 1975.

 

9 – FIAT ARGENTA

Sempre Fiat ma questa volta siamo qualche anno più avanti rispetto alla 130 (1981/’85). Il suo obiettivo era quello di sostituire la 132, ma le sue linee squadrate non piacquero. Nemmeno dopo il restyling ci fu un cambio di tendenza. Ad oggi il suo prezzo medio è decisamente inferiore rispetto alle altre: 2.200 Euro.

 

10 – RENAULT 6

La sua carta d’identità è molto semplice: erede della celebre Renault 4 e potenziale concorrente della 2CV che nel frattempo si era accaparrata il mercato delle compatte. Siamo tra il 1972 e il 1984 e di lei furono apprezzate le rifiniture e la dotazione di serie, ma l’insuccesso fu plateale. Per averne una oggi serve poco: 2K Euro il suo prezzo.