La nuova Twingo non è così nuova per noi di Car. Avevamo avuto modo di provarla già qualche mese fa ed eravamo rimasti entusiasti del raggio di sterzata e della maneggevolezza della piccola citycar francese, ma mancava qualcosa, nello specifico un po’ di verve. La soluzione era così semplice da risultare quasi scontata: questa Twingo Energy TCe 90 cv, con il suo piccolo turbo 900 cc da 90 cv! Quando l’ho vista in ufficio per la prima volta e mi hanno detto che sarebbe toccata a me per questo mese ho pensato che avrei avuto davvero poco da dire, di nuovo, rispetto all’altra Twingo, ma mi sono dovuto ricredere velocemente.

La novità mi si palesa quando giro la chiave dell’avviamento. Dallo scarico sento un tono diverso, più profondo anche se non inquietante.

È la voce del 900cc che comanda le ruote posteriori. Il mio primo pensiero è stato questo: ho 90 cv su un’auto leggerissima a trazione posteriore, il rapporto peso potenza sembra favorevole, quindi ci sarà da divertirsi. Ed in effetti mi sono divertito parecchio, fin quando non ho voluto azzardare e disattivare i controlli, per scoprire che, semplicemente, è impossibile. Niente scorribande nei parcheggi, niente tornanti a ruote fumanti, ma forse le mie aspettative erano un po’ troppo alte.

Guidandola nel traffico la differenza rispetto alla versione meno potente è piuttosto evidente, la Twingo è più pronta, più reattiva e nel complesso più godibile, nonostante un irrinunciabile, seppur lieve, aumento nei consumi. Anche l’ambiente, con gli inserti colorati che riprendono il colore della carrozzeria, non può far altro che mettere di buon umore. Ma non è tutto oro ciò che luccica.

Nella guida in città trovo piuttosto scomoda l’assenza di un contagiri, quantomeno nei primi metri, dove il limitatore sembra arrivare sempre prima di quanto mi sarei aspettato. Il motore lì dietro, inoltre, ruba spazio di carico al bagagliaio, che ad onor del vero risulta comunque più che sufficiente per le necessità quotidiane, se non fosse che il turbo tende a scaldare il piano di carico in maniera fastidiosa, specie dopo un lungo utilizzo. Basta qualche giorno, comunque, per abituarsi e convivere con questi dettagli.

Non mi ha accompagnato per lunghi viaggi perché ho deciso di usarla nel suo campo di battaglia preferito e ne è uscita vincente. Tutto, dai rivestimenti alla leggerezza nei comandi, sembra studiato appositamente per non affaticare il guidatore nemmeno nei continui stop and go del traffico cittadino, mentre il raggio di sterzata rende alla portata di tutti anche le manovre di parcheggio più complesse, per non parlare delle inversioni a U. Vi confesso che dovrete avere un forte autocontrollo per non trovarvi a girare come trottole in qualche parcheggio desolato, da soli, di notte…

Finalmente la Twingo sembra davvero completa. Prima la sensazione era simile a quella che proveresti preparando una cena a lume di candela, con la pasta fatta a mano ed un secondo da chef stellato, per poi scoprire di esserti dimenticato lo spumante per il brindisi. Ecco, questi 90cv sono esattamente l’equivalente di quello spumante. E già freddo, per altro.

Scheda tecnica: RENAULT TWINGO ENERGY 0.9 TCe 90 CV Sport

Prezzo: 14.750 Euro  

Motore: 898 cc 3 cil, 90 cv @ 5.500, 135 Nm @ 2.500 giri/min 

Trasmissione: Manuale a 5 rapporti, trazione posteriore

Prestazioni: 10,8 sec 0-100 km/h, 165 km/h, 23,2 km/l, 99 g/km CO2

Peso: 943 kg

A proposito dell'autore

Riccardo Cacace

Post correlati