Questo fine settimana c’è la gara più importante del Mondo. Per i palati fini del motorsport un appuntamento da non perdere. E allora perché non riassumere qui tutte le informazioni più utili per seguirla fino in fondo? 

L’Endurance rappresenta l’essenza più profonda e romantica del motorsport. In una gara di durata velocità e strategie si uniscono in un mix straordinario ed elettrizzante per offrire ai veri appassionati ,di questo meraviglioso sport, uno spettacolo dove la parola fine si mette solo allo scadere della ventiquattresima ora, dove ad esaltarsi è la squadra tutta, dove i piloti vivono costantemente non solo la tensione agonistica della gara, ma anche la responsabilità di non rovinare, con un errore irrecuperabile, il lavoro di tutti e, spesso, di un anno intero.

CHE TIPO DI SFIDA VEDREMO? 

Una battaglia per niente scontata. La superpotenza Audi si presenta sul Circuito della Sarthe con una pattuglia ridimensionata, con 2 e non 3 Prototipi LMP1, così come Porsche. Nei primi due appuntamenti della stagione si sono divise le vittorie, ma si sa, la 24 Ore è in grado sempre di sparigliare le carte in gioco. E tra i due litiganti si inserisce Toyota, che dopo un 2015 sottotono, schiera la nuova Ts050 Hybrid completamente nuova.

Proprio l’aspetto tecnico è una delle grandi novità del Campionato WEC. Sia Audi che Toyota schierano prototipi profondamente rivisti nella parte ibrida con l’abbandono del volano, da parte di Audi e, per Toyota, dei supercondensatori e l’adozione, per entrambi, di batterie a ioni di litio così come introdotte da Porsche. Il motivo è per Ingolstadt di risparmiare in dimensioni e peso mentre per gli uomini del team giapponese, la tecnologia dei supercondensatori era arrivata al massimo dello sviluppo. La sezione termica di Audi rimane l’unità V6 TDi da 3.7 litri da 504 cavalli abbianata ad una MGU elettrica da 520 cavalli, mentre Toyota abbandona l’aspirato V8 da 3.7 litri e, conseguentemente, il sound più elettrizzante del lotto, per presentarsi con un 2.4 litri biturbo V6 a benzina da 500 cavalli affiancato da due motori elettrici (all’anteriore e al posteriore). La Porsche rimane fedele alla sua architettura di debutto con un V4 reso ancora più efficiente con 500 cavalli supportato da un motore elettrico anteriore da 400 cavalli.

Appena sotto alla classe regina, troviamo i prototipi della LMP2 che, in configurazione chiusa, assomigliano sempre di più ai fratelli maggiori. Scelti da team privati e gentleman driver il limite regolamentare è incentrato sui costi di acquisto. La Federazione e l’ACO Le Mans hanno stabilito un tetto massimo che non deve superare i 388.500 Euro per i prototipi aperti, mentre di 463.500 Euro per quelli con carrozzeria chiusa. Da aggiungere il prezzo del motore che, se aspirato, deve avere una cilindrata inferiore a 5 litri e massimo 8 cilindri e di 3.2 litri e 6 cilindri in caso di sovralimentazione.

Nella categoria LMGTE la grande attesa è la splendida Ford GT con il suo V6 3.5 litri Ecoboost da circa 600 cavalli che dovrà misurarsi con l’altra americana Chevrolet Corvette C7.R, la Ferrari 488 GTE,  la Porsche 911 RSR e l’Aston Martin Vantage.

LA 24 ORE DI LE MANS IN TELEVISIONE. TUTTI GLI ORARI

Per i veri addicted del motorsport endurance ringraziamo la rete tematica Eurosport che, ancora una volta, ci garantirà la diretta completa della gara. Ecco tutti gli orari:

Mercoledì 15 giugno 2016

16:00-20:00 Prove libere (Eurosport 1)
22:00-00:00 Qualifiche 1 (Eurosport 1)

Giovedì 16 giugno 2016

19:00-21:00 Qualifiche 2 (Eurosport 1)
22:00-00:00 Qualifiche 3 (Eurosport 1)

Sabato 18 giugno 2016

Warm Up (Eurosport 1)

09:00-09:45

Gara

15:00-21:00 (Eurosport 1)
21:00-21:30 (Eurosport 2)
21:30-23:15 (Eurosport 1)
23:15:23:30 (Eurosport 2)
23:30-00:00 (Eurosport 1)

Domenica 19 giugno 2016

00:00-15:00 (Eurosport 1)