La Brabham è tornata, con una rivale per la McLaren Senna.

Le Hypercar da pista sono di gran moda. L’ultima arrivata è niente meno che della leggendaria Brabham. Per i fan di una certa età, il nome Brabham è sinonimo di due cose: il veloce e imperturbabile pilota di F1 degli anni ’60 Jack, l’uomo senza il quale la casa automobilistica non esisterebbe né avrebbe un nome, e le innovative auto F1 progettate da Gordon Murray negli anni ‘70 e nei primi anni ‘80. Entrambe le cose, bisogna ammetterlo, risalgono a un po’ di tempo fa. Ora però David Brabham – figlio di Sir Jack e più volte vincitore di Le Mans – sta riportando in campo questo nome, rifuggendo i veicoli elettrici premium in favore dell’altro grande trend del 2018: le Hypercar da pista potenti e ultraleggere con un’aderenza aerodinamica potenziata per farvi perdere la cognizione dello spazio e del tempo. La BT62 è una sorta di rivale della McLaren Senna GTR: una macchina da oltre 1 milione di Euro, in edizione limitata abbinata a un V8 aspirato da 5,4 litri con una struttura composita da 972 kg di peso a secco.

Brabham BT62 Driver View

La meccanica è decisamente ispirata alle corse: freni in carbonio, cric ad aria integrati, sospensioni a quadrilatero con ammortizzatori top-spec Öhlins, trasmissione sequenziale pneumatica e sistemi di assistenza alla guida presi in prestito dal mondo del Motorsport. All’interno è la stessa storia. Salite sui sedili in carbonio approvati dalla FIA, mettete al suo posto il volante rimovibile in fibra di carbonio, allacciate la cintura di sicurezza a sei punti, fissate la pedaliera regolabile, andate a frantumare i record sul giro. Non sono ancora state dichiarate le performance, ma la BT62 dovrebbe essere paragonabile, in senso positivo, alla Senna da 350 km/h, 2,8sec-a-100km/h (la McLaren è 90 cv più potente ma 200 kg più pesante – come ci si aspetterebbe da un’auto che è legale anche su strada: la Brabham non lo è). Con “più di 820 cv”, la prossima Senna GTR promette di dare del filo da torcere alla Brabham. Le vendite sono attualmente in corso sul sito della Brabham Automotive. Gli acquirenti riceveranno un programma di formazione alla guida insieme alla loro Brabham, per prepararli alla non irrilevante sfida di pilotare il loro nuovo giocattolo verso qualcosa di simile al suo pieno potenziale.

Leggi l’articolo completo sul numero 101

CAR lo trovi IN TUTTE LE EDICOLE della tua città e in edizione digitale su pocketmags.com

Brabham BT62 rear quarter view lights on

A proposito dell'autore

Redazione

Post correlati