La trazione integrale permanente è stata il cuore dei modelli Audi quattro fin da quando la Ur-Quattro balzò sulla scena nel 1980. Il sistema di ultima generazione, però, è tutt’altro che permanente. È invece un sistema che passa dalla trazione integrale a quella anteriore in pochi millisecondi e che ha gettato dalla finestra il tradizionale differenziale centrale in cambio di una coppia di frizioni comandate da un impianto elettronico sofisticato. L’obiettivo è l’aumento di efficienza: le ruote posteriori vengono rimesse in gioco quasi all’istante in caso di necessità, ma la maggior parte del tempo la macchina viaggia a trazione anteriore, e grazie a ridotte perdite d’energia per attrito registra consumi di carburante inferiori. L’Audi chiama il sistema di nuova generazione “Quattro con Ultra”, dove Ultra è il suo sotto-marchio ad alta parsimonia. Sicuri che “Quattro con Due” non sarebbe stato più appropriato? Il nuovo meccanismo verrà montato su alcune versioni di modelli Audi a motore longitudinale a cominciare da metà 2016. Si partirà con la nuova A4 Allroad e poi con le future Q5, A5 e Q7.

Quanto carburante fa risparmiare veramente?

L’Audi dichiara che i tecnici hanno ottenuto una media di 0,3 litri in meno ogni 100 km sul tracciato di prova rispetto ad un normale modello dotato di sistema Torsen. Un’auto a trazione anteriore pura consumerebbe ulteriori 0,2 litri in meno.

Quali sono le sensazioni di guida?

Abbiamo provato una A4 Avant di pre-produzione su un percorso misto lungo circa 70 km. Il passaggio fra trazione anteriore e trazione integrale è stato davvero di impossibile individuazione, stando dietro al volante. Abbiamo trascorso un viaggio di sorprendente simmetricità al 51% in modalità due ruote motrici e al 49% con trazione integrale. Un arduo tratto di itinerario con faticosi contorcimenti è stato affrontato dal veicolo per gran parte del tempo con le ruote posteriori ingaggiate.

_29R4180

Come funziona?

1 Disaccoppiamento posteriore

Nell’attimo in cui interviene la modalità trazione anteriore, il congegno di disaccoppiamento posteriore si apre per evitare che il differenziale posteriore produca un attrito non necessario. Una leva di bloccaggio a molla riaggancia la frizione per ricollegare le ruote posteriori.

Quartro

2 Frizione multi-disco

Posizionata sull’estremità del cambio e attivata da un elettro-motore, l’unità della frizione anteriore disconnette e riconnette l’albero di trasmissione per saltare dalla trazione integrale alla trazione con due ruote motrici. In modalità integrale, funge anche da ripartitore della coppia motrice tra avantreno e retrotreno.

03 quattro antrieb

3 Sistema nervoso

L’Audi stima che la trazione integrale sia reinseribile mezzo secondo prima della sua effettiva necessità. Una complessa rete di sensori e di unità di controllo legge una sterminata massa di dati (angolo di sterzata, angolo di imbardata, aree di contatto con gli pneumatici) e decide quando togliere la presa sull’asse posteriore e quando reintrodurla.

Video screenshot 2

di James Taylor

A proposito dell'autore

Redazione

Post correlati