I migliori concept dal look retro

car TOP 10

A volte per prepararsi ad un enorme salto in avanti è opportuno dare uno sguardo al passato. Certo, fa comodo anche quando hai esaurito le idee.

1 ABARTH 127

All’epoca nessuno aveva mai creato una versione più sportiva della Fiat 127 dei primi anni ’70. Ci ha pensato il designer David Obendorfer che, oggi, ha dato forma a ciò che non era mai stato immaginato prima. A quanto pare gli piace il look retro, date un’occhiata a due dei suoi revival, la Renault 4 e la Fiat 600.

Abarth 127 concept2

2 AUDI ROSEMEYER

Prima della R8 c’era questa bestia ispirata alle Silver Arrows, battezzata in onore del pilota Bernd Rosemeyer, nella quale avevano ficcato otto litri di un motore W16. Provocò gran clamore negli showroom degli anni 2000, ma alla fine venne scartata dalla produzione perché troppo costosa. Eppure alcune delle sue idee vivono ancora oggi sotto forma della R8.

Audi Rosemeyer1

3 BMW M1 HOMMAGE

BMW ci fece esplodere le ghiandole salivari quando svelò questa M1 Hommage a Villa D’Este nel 2008, col suo look che mischiava spunti moderni all’originale degli anni ’70. BMW decise di non produrla, ma al suo posto costruì qualcosa di ancor più coraggioso, la sportiva ibrida i8.

P0046110

4 MIURA CONCEPT

Quarant’anni dopo la leggendaria supercar di Lamborghini, il comandante Walter de Silva creò dal nulla questa stupenda reinterpretazione della Miura nel 1996. Le meccaniche della Murcielago di cui era dotata ci fecero ben sperare, peccato che il boss Stephan Winkelmann non fu d’accordo: “Lamborghini deve guardare al futuro, non al passato”.

Lamborghini Miura concept

5 ECORACER

Quando venne presentata nel 2005, la EcoRacer in fibra di carbonio rappresentò il punto di partenza per tante nuove idee. Pesava solo 850kg ed era spinta da un motore 1.5 TDI, raggiungeva i 100 km/h in 6,3sec, toccava i 230 km/h di velocità massima e faceva 28 km con un litro. Era anche in grado di passare da coupé a roadster ed anche a speedster.

EcoRacer concept

6 INFINITI PROTOTYPE 9

Creare un concept che renda merito agli anni ’40 quando il tuo brand ha appena 18 anni è abbastanza ironico, ma Infiniti ha fatto un bel lavoro con la sua Project 9. Acciaio battuto a mano avvolgeva il propulsore della Nissan Leaf generando un bel prodotto finale – peccato che il mercato per le EV sportive a due posti degli anni ’40 non è mai stato poi tanto grande.

INFINITI Prototype 9

7 FORD 021C

Scegliereste il designer per un vostro concept sulla base dell’aver disegnato una sedia a sdraio per un video di Madonna? Prima di rispondere, sappiate solo che si sta parlando degli anni ’90. J Mays di Ford assoldò Marc Newson per questo concept svelato intorno al 2000, quasi come se fosse un raccomandato di George Jetson. Il risultato finale, comunque, ci sembra sorprendentemente moderno.

Ford 021c (copyright Marc Newson)

8 FORD GT

La GT40 degli anni ’60, che vinse la Le Mans di allora, è stata una bestia strana che rese orgogliosi i vertici di Dearborn per molti anni a venire. Talmente tanto che non potevano lasciarla a prendere polvere negli archivi storici: a partire dal 2002 furono creati una serie di concept, seguiti infine nel 2004 da una versione di produzione. E non è finita: ce ne sarà un’altra, ancor più selvaggia, proprio quest’anno.

2002 Ford GT40 Concept Car

9 LAND ROVER DC100

Questo concept del 2011 non è tanto retro quanto il resto delle auto su questa pagina; si tratta di un design che doveva semplicemente rimpiazzare un’auto di produzione che, curiosamente, era in giro da soli 63 anni. Sostituire la Defender non dev’essere per niente facile – sono già due anni che aspettiamo.

Land Rover DC100

10 NISSAN IDX

Mentre la 370Z si avvicina alla doppia cifra, i tempi sono maturi per un’altra auto sportiva “economica” made by Nissan. Non ci ha stupito il successo riscosso dal concept IDx, ispirato alla Datsun 510, che venne mostrato per la prima volta allo show di Tokyo. Peccato che il bilancio non proprio roseo della casa abbia fatto accantonare anche quest’ultima gemma.

Nissan IDx

 

 

 

A proposito dell'autore

Simone Colongo

Post correlati