car TOP 10

Dieci design da dimenticare

Anche ad un genio non tutte le ciambelle escono col buco. Ma solo un progettista d’auto finisce con il tradurle in metallo e produrne a migliaia.

 

1 – GIUGIARO HYUNDAI STELLARIS

Giugiaro è stato nominato Car Designer del secolo nel 1999, un trofeo che senza dubbio ostenta con soddisfazione al Circolo dei Designer. È in questi momenti che Walter de Silva tira fuori dalla tasca del suo gilet la foto della Hyundai Stellar e tutto torna alla normalità.

 

2 – PININFARINA HYUNDAI MATRIX

Anche un portfolio pieno zeppo delle più belle Ferrari mai concepite – qualcuno ha detto 250 GT LUSSO, Dino e 458 Italia? – non ti rende intoccabile. Il gruppo di Torino progettava anche treni ed aeroplani; forse hanno erroneamente consegnato a Hyundai i piani per una fotocopiatrice.

 

3 – HARM LAGAAY CAYENNE

C’è un gioco di parole ovvio con il nome di Lagaay sul quale non ci soffermeremo, ma durante la sua permanenza alla Porsche ha avuto un grande ruolo nella progettazione della 993, 996, 968, Boxster e Carrera GT – tutte vetture dall’aspetto piacevole. Ma ha anche avuto il compito tutt’altro che invidiabile di creare la prima Cayenne, mentre noi abbiamo il dolore e la sofferenza di doverla guardare.

 

4 – CHRIS BANGLE BMW Z4

Sarebbe stato semplice sparare a zero su qualunque mossa fatta da Bangle, ma sarebbe stato anche ingiustificato. Ha messo a punto la buona Fiat Coupé, la Serie 7 E65 che all’epoca era shoccante ma che ora è meglio della versione rinnovata, e la serie 5 E60 ancora spacca. Ma la prima generazione della Z4 su cui ha messo la firma? Non molto.

 

5 – WALTER DE SILVA ALFA 166

Creatore dell’Alfa 156 e dell’Audi R8 e responsabile di aver dato a Seat la propria identità visiva all’interno del gruppo VW, de Silva si è guadagnato il diritto di ritirarsi e di seguire il percorso che ha scelto, disegnare scarpe da donna. Ma la 166 sembra una 156 che ha tentato di ingoiare un frisbee gigantesco e ha fallito.

 

6 – J MAY VW NEW BEETLE

Proprietario del nome più breve nel design d’auto, J-May deve farsi carico almeno in parte del revival degli anni novanta e del prodotto meno ispirato di quell’era. Siate onesti, cosa fareste se la vostra fiamma si presentasse in una vecchia New Beetle? Esatto – nascondetevi in bagno.

 

7 – TOM PETERS PONTIAC AZTEK

Peters vanta nel suo portfolio la Camaro e la Corvette C6, entrambe appariscenti. Appariscienti proprio come l’altra notevole opera di Tom, la Pontiac Aztek. Frequentemente valutata come la macchina più brutta nella storia, il suo ruolo in Breaking Bad assicura alla Aztek che non verrà dimenticata tanto presto. Purtroppo per lui.

 

8 – MARCELLO GANDINI LAMBORGHINI JARAMA

Disegnatore di un nightclub, di un elicottero e di una delle automobili più belle della storia – la Miura – Gandini ha un occhio per i corpi formosi, almeno fino al 1970 quando fiondò le sue curve francesi nel cassonetto. Abbiamo amato la Countach, ma la Jarama assomiglia ad un Transformer sotto diazepam.

 

9 – I.D.E.A KIA RIO

L’istituto italiano I.D.E.A ha prodotto delle opere taglienti e sofisticate nei suoi primi giorni di lavoro – Fiat Tipo, Alfa 155 – ma con il passare degli anni la clientela divenne meno glamour, e lo stesso fecero i prodotti finali. Il fondo si toccò nel 2000 con la prima generazione della Kia Rio, che valse più dispiaceri che guadagni.

 

10 – GIOVANNI MICHELOTTI SCIMITAR SS1

Il portfolio di Giovanni Michelotti eguaglia quello di qualunque altro progettista nella storia includendo vetture che spaziano dalla Triumph Stag alla Spitfire, dalla GT6 alla Alpine A110 e alla BMW New Class. Se solo Reliant l’avesse salvato da sé stesso e si fosse rifiutata di costruire la sua Scimitar SS1.