Con l’arrivo delle nuove hot hatch, le piccole compatte sportive quali le nuove Clio RS,  Fiesta ST, 208 GTi ecc, sentiremo spesso parlare di come la trazione anteriore influenza l’esperienza di guida, con i suoi aspetti positivi e negativi. Tutti conoscono, almeno di nome, il sottosterzo, sposo eterno della trazione anteriore, quindi tratteremo un fenomeno meno conosciuto, ma altrettanto problematico: il torque steering.

 

 

Che cos’è?

Il torque steering è un fenomeno che si manifesta tramite la variazione dell’angolo di sterzata. In fase di accelerazione, specialmente sulle partenze da fermo, se si lascia la presa sul volante e si apre il gas, si può osservare come lo sterzo ruoti in maniera autonoma da un lato. Non è un fenomeno incontrollabile, infatti è sufficiente stringere saldamente il volante e opporre resistenza per contrastare il fenomeno senza eccessiva fatica. Il discorso è diverso se si manifesta durante le accelerazioni in uscita dalle curve, in quel caso bisogna sì opporre resistenza, ma con più dolcezza per evitare la perdita di aderenza dell’avantreno.

Da cosa è causato?

Le cause sono molteplici e insospettabili che unite causano una marcata asimmetria nel comportamento della ruota di destra e di sinistra. Si parte infatti dal fondo stradale non perfettamente omogeneo, dalla pressione diversa (seppur lievemente) degli pneumatici, fino ad arrivare alle asimmetrie del sistema di sterzata e trasmissione, nonché ai valori di coppia differenti distribuiti dal differenziale. Il tutto fa sì che il comportamento e la resistenza al moto esercitata dalle due ruote sia differente, portando così a una pendenza a destra o a sinistra in base alla struttura.

È eliminabile?

Di per sé no. Non è infatti possibile realizzare una vettura a trazione anteriore che sia del tutto esente da questo fenomeno, basti pensare che, sulle partenze da fermo, se lo sterzo è ruotato anche di mezzo grado da un lato, si ha già una buona causa per il verificarsi di questo fenomeno. È possibile però apportare una serie di accorgimenti meccanici che lo attenuano: utilizzare semiassi della stessa lunghezza, far gestire il differenziale da un controllo elettronico ed infine, il più facile e pratico di tutti, fare impiego di un software di sterzata assistita che riconosca il verificarsi del torque steering e lo combatta autonomamente.

C’è da precisare che il torque steering si manifesta anche su auto a trazione posteriore. Le cause non sono però imputabili al sistema meccanico a livello di motore e trasmissione.

A proposito dell'autore

Umberto Circi

Post correlati