Chevrolet Camaro

Gli appassionati della Chevrolet adorano i codici RPO. Il Regular Production Option, per dargli un nome più comprensibile, è un codice a tre caratteri alfanumerici usato da General Motors per identificare il modello, le informazioni e altre caratteristiche delle parti costituenti una vettura – ed è cruciale quando passano gli anni per ristrutturare o valutare un’auto.

2018 Chevrolet Camaro ZL1 1LE

C’è un codice RPO per quasi ogni cosa, e soltanto un fanatico di Chevrolet è in grado di emozionarsi per codici come U28 (luci a posacenere) o K76 (alternatore da 65 ampere), ma anche Z28, Z06 e ZR1 che sono diventate dei veri e propri Marchi. ZL1 ne è un esempio. Intorno agli anni ’60, identificava un motore da 7.0 litri con 8 cilindri a V completamente in alluminio che ha raddoppiato il prezzo della fulminea Camaro sulla quale è stato installato. Quei tempi erano il periodo d’oro per la Camaro di casa Chevrolet che si poneva come top di gamma fra le auto da strada, in quanto risultava un coupé veloce ma adatto alla vita di tutti giorni con lo spirito della Porsche 911 Turbo. Ma se la ZL1 è come una 911 Turbo, il doppio codice ZL1 1LE è come una GT2 RS. E come la GT2, anche solo osservandola si capisce che è un’auto con qualcosa di serio. Il cofano satinato nero ha degli estrattori d’aria in fibra di carbonio, lo splitter frontale e le alette canard danno l’impressione di essere tanto utili a falciare le gambe dei pedoni quanto a fare ottimi tempi su pista, e arroccato sulla copertura posteriore c’è un vasto alettone in grado di generare 136kg a 240 km/h. Sotto la scocca, ci sono piastre per la regolazione della campanatura anteriore e barre anti-rollio, ma anche ammortizzatori regolabili Multimatic (usati anche per la Ford GT) direttamente dai fornitori della Formula 1.

Sembra veramente spaventosa e sul bagnato, con gli esclusivi pneumatici Goodyear Eagle F1 3R montati apposta per fare il miglior tempo, lo diventa senza ombra di dubbio. Anche sull’asciutto la colossale sezione anteriore (larga tanto quanto il posteriore della Ferrari 488…) ondeggia come un flipper e gli ammortizzatori duri risultano eccessivamente bruschi.

2018 Chevrolet Camaro ZL1 1LE  2018 Chevrolet Camaro ZL1 1LE  2018 Chevrolet Camaro ZL1 1LE

Non si può tirar fuori più potenza dal motore ZL1 a V8 cilindri da 659 cv sovralimentato, ma si può sempre spuntare l’opzione 1LE per dire addio alla trasmissione automatica a 10 rapporti e dire benvenuti ad una coppia di intercooler per il motore, differenziali e trasmissioni che vi faranno divertire finché non avrete finito il carburante. Il cambio è sorprendentemente leggero e il posizionamento dei pedali è eccellente nonostante siano leggermente spostati. Premete la frizione quando siete in pista, tenete il piede sul pedale e raggiungerete i 100 km/h in soli 3,5 secondi. È interessante notare la presenza di qualche pulsante sul volante, ma in quest’auto serve solo ad accendere o spegnere il software per il rev-matching.

Fare economia per la 1LE significa fare a meno dei freni in carbo-ceramica montati sulla vecchia Z28. Ma i freni in acciaio – sei pistoncini Brembo davanti e quattro pistoncini dietro – sono più che sufficienti a fare il loro lavoro, rallentando qualcosa che nonostante i suoi 1.732 kg risulta comunque una macchina relativamente pesante e, fatto cruciale, lo fanno ancora e ancora senza dare il minimo cenno di resa. E questo significa che l’unica cosa che potrebbe rovinarvi il divertimento è la velocità con cui prosciugherete il serbatoio da 72 litri.

Leggi l’articolo completo sul numero 98

CAR lo trovi IN TUTTE LE EDICOLE della tua città e in edizione digitale su pocketmags.com

A proposito dell'autore

Redazione

Post correlati