Dai ammettiamolo. Da quando è stata presentata la FIAT 124 che stavamo aspettando la variante dello scorpione che, puntualmente, è arrivata, qui a Ginevra.

A primo impatto possiamo dirlo: è una Abarth. Partendo dalla “stilosa” 124, nelle officine Abarth non hanno lasciato nulla al caso, sviluppando ogni elemento in funzione delle prestazioni, con l’ampia presa d’aria del paraurti anteriore e l’estrattore aerodinamico di quello posteriore sono stati affinati in galleria del vento, come pure lo spoiler posteriore e il frangivento che contribuiscono a gestire al meglio i flussi d’aria. Il muso dolce della 124 è stato incattivito, con il calandrone anteriore a nido d’ape e le grosse gobbe sul cofano che le danno un’aria spiccatamente racing. Il cofano nero opaco è un chiaro rimando alla storica Abarth 124 Rally che adottava questa soluzione per ridurre i riflessi del sole sul pilota.

Ma passiamo al lato squisitamente prestazionale…la Abarth 124 è dotata di un 1.4 turbo quattro cilindri MultiAir capace di erogare, udite udite, ben 170 cv e 250 Nm di coppia. Dotata di unos carico di chiara derivazione sportiva, la 124 spider è in grado di raggiungere i 100 km/h in poco meno di 7 secondi, con una velocità massima di 232 km/h. Parlando di trasmissione ci si trova davanti ad un bivio: siete puristi e volete sentire gli ingranaggi del cambio muoversi insieme al vostro braccio? Ecco il cambio manuale a 6 marce. Siete più tecnologici e preferite lascir fare tutto il lavoro sporco a piccole leve dietro il volante? Ecco il cambio automatico Sequenziale Sportivo Esseesse ad innesti ultrarapidi.

Non solo carrozzeria e motore. Gli interventi dello scorpione hanno riguardato la giusta ripartizione e diminuzione dei pesi, per rendere il più agile possibile la 124. I tecnici sono riusciti a mantenere una perfetta ripartizione 50/50 delle masse dell’auto, puntando ad eliminare qualsiasi elemento potesse aumentare anche solo di 1 grammo il peso complessivo dell’auto. Basti pensare che per ottenere la conformità ai severi standard riguardanti la sicurezza dei pedoni, è stato sviluppato un sistema con cofano attivo che consente di non intervenire con modifiche che aumenterebbero il peso complessivo e danneggerebbero il bilanciamento della vettura…

Ok, dopo questo doveroso cappello, cosa dobbiamo aspettarci da questa perla delle officine di Mirafiori? Partiamo dal presupposto che se ci mettete una trazione posteriore, 170 cv e levate il tetto, 90 su 100 avrete resto felice un qualsiasi appassionato. Se poi ci mettete in mezzo un marchio storico come Abrth e il ritorno di una vecchia icona coma le 124, bè…potreste aver fatto veramente centro. Unico problema? il prezzo…La nuova Abarth 124, sarà disponibile a partire da Settembre, con prezzi a partire da 40.000 € per tutta l’Europa.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A proposito dell'autore

Giuseppe Gomes

Post correlati